Chi sono le persone importanti?

Pubblicato il da lucafavaro.over-blog.it

Siamo in piena campagna elettorale in questo periodo, i giorni delle elezioni si avvicinano sempre di più. C’è una certa confusione, bisogna dirlo, e francamente mi dispiace che nella mia Breda si sia creata una spaccatura, generandosi due gruppi composti da persone oneste, eccezzionali che lavorano seriamente, a cui sono anche legato da un rapporto d’amicizia, sia in un gruppo che nell’altro. La cosa mi dispiace sinceramente, perché sembra proprio che l’amicizia sia minacciata dalla mia scelta. Se voterò per un gruppo, perderò l’amicizia con l’altro e viceversa. A questo punto mi chiedo: non stiamo già partendo con il piede sbagliato? L’amicizia vera, non deve andare oltre gli ideali politici? Il bene della comunità, certo, questa è la cosa fondamentale. Ognuno di noi si chieda nel profondo del suo cuore se questo è ciò a cui tiene veramente.

Un giorno, ho assistito al pensionamento di una persona importante. Qualcuno ha commentato dicendo: “Il vero capo è colui che sa farsi ascoltare e rispettare dai suoi subalterni”. Un altro ha detto: “Il vero capo è colui che sa guadagnarsi la stima dei suoi subalterni.

Io, francamente, a futuri sindaci e assessori, e comunque a coloro che occupano un posto di spicco in qualunque società, grande o piccola che sia metto davanti questa immagine:

http://ioediogallery.altervista.org/albums/gesu/crocifisso-velasquez.jpg

Gesù non si preoccupava di conquistare la stima degli altri, ben sapendo che questo l’avrebbe portato alla croce, ma ha considerato il suo messaggio di salvezza, e l’amore per gli altri più importante persino di sé stesso.

Gesù non ha mai imposto nulla a nessuno, né ai suoi persecutori, né ai suoi discepoli, e lui, che era Dio, avrebbe potuto farlo. Non l’ha fatto, sapendo che questo l’avrebbe portato alla croce, ma l’amore e il rispetto per gli altri era più importante di tutto questo.

Gesù testimoniava l’amore di Dio, e questa per lui era l’unica verità, e non l’ha mai tradita vendendola agli uomini di potere, e non l’ha mai svenduta a nessuno. Gesù non si preoccupava di fare bella figura. La verità era la cosa più importante di tutto, a costo di finire sulla croce.

Gesù lavava i piedi ai discepoli, dicendo che “Chi vuole essere il capo, si faccia il più piccolo di tutti”, e lui non si è limitato a predicarlo, ma l’ha fatto praticamente dedicandosi al servizio del prossimo, all’amore e alla salvezza delle anime. Nulla ha mai fatto per sé stesso, pur sapendo che questo l’avrebbe portato alla croce.

Essere capo, esserlo veramente è molto più difficile di quanto si vuole credere. Quando ci apprestiamo a ricoprire una carica importante, amici, ricordiamoci che quello che stiamo per fare è un servizio, non un privilegio. E lo faremo bene solo se lo vivremo con questo spirito: d’amore e di servizio.

                                                                                      Luca.

 

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

Fernanda 04/29/2012 17:44

Parole sante, Luca. Dici che la gente si recherà a votare, oppure ci sarà una grande astensione...mi sembra che in questo momento ci sia un grande vuoto di figure politiche che ispirino fiducia...