L' apparizione della Madonna a Jesolo.

Pubblicato il da lucafavaro.over-blog.it

Nel mese di ottobre, al palaturismo in piazza Brescia a Jesolo, si è tenuto un incontro di preghiera dedicato alla Madonna di Medjugorje. Nonostante l'assenza per vari motivi dei veggenti, e di Paolo Brosio, giornalista televisivo che ha spesso decantato le lodi a Medjugorje in seguito alla sua conversione avvenuta in quel luogo, l'incontro ha avuto un successo strepitoso. 5 mila persone non sono poche, e sembra che il successo sia stato coronato dall'apparizione della Madonna nei cieli di Jesolo, fotografata da alcuni presenti e pubblicata su Facebook. La stessa che vi riporto di seguito anch'io.

Inutile dire che, come tutte le apparizioni mariane, anche questa ha scatenato il finimondo, tra i fedeli cattolici che credono nella foto come a una vera apparizione, e tra gli scettici, cattolici o meno, che etichettano l'immagine come un fotomontaggio.

Certo che in questi tempi, le apparizioni della Madonna, o i numerosi segni ad esse imputabili, sono in continuo aumento. E se a questo si aggiungono anche l'aria lugubre che si respira ultimamente in Italia, e le previsioni che vogliono il 2012 come l'anno in cui ci sarà, se non la fine del mondo, un avvenimento che cambierà definitivamente la storia del nostro pianeta, i conti sono presto fatti. Previsioni catastrofiche si susseguono, così come le discussioni e le polemiche.

La Chiesa risponde a tutto questo con il silenzio, piuttosto reticente ad esprimersi, sembra dimostrare un certo scetticismo, o per lo meno una certa diffidenza, ed è comprensibile che sia così. Del resto la Chiesa non si è mai pronunciata nemmeno in merito a Medjugorje, e non può farlo finché le apparizioni della Madonna sono in corso.

A questo punto, io mi sento chiamato a dire la mia, perché anche se non ero presente all'incontro, ho fatto uno splendido pellegrinaggio a Medjugorje, di cui vi ho parlato in un articolo precedente a questo.

Sinceramente, pur rispettando Maria, non ho mai sentito una vera devozione per lei, essendo attratto particolarmente da Dio Padre e da Gesù. E io dico che, sia che quella foto sia vera, o sia che sia falsa, non cambia nulla in realtà.

Dio ogni giorno ci regala una quantità interminabile di segni che ci fanno capire che Lui è sempe al nostro fianco, e non ci lascia mai soli, in qualunque posto ci troviamo e qualunque cosa stiamo facendo.

Del resto questo sembrano affermare buona parte dei presenti di quel giorno. Alcuni di loro hanno detto che non hanno visto nulla nel cielo, e nessuno sembrava essere col naso in su, attrato da visioni particolari. Tutti però affermano di aver provato durante la preghiera una profonda sensazione di pace, fratellanza, amore, gioia, ottimismo e commozione.

Segni tipici della presenza di Gesù, e del resto Lui stesso l'aveva promesso dicendo: "Dove due o più persone sono riunite nel mio nome, io sono con loro".

Sinceramente, di fronte ai grandi segni abbaglianti ed eclatanti, io sento puzza di qualcos'altro, perché mi rendo conto che quella non è la via preferenziale di Dio per manifestarsi all'uomo. In genere Dio si manifesta con la delicatezza, la dolcezza, il perdono, l'amore e il rispetto.

Dio si manifesta nell'amico che ti saluta con il sorriso, nel bacio di tua moglie o marito, nell'abbraccio dei tuoi figli, nel riso e nel pianto di un bambino, nella bellezza della natura che evolve costantemente verso la perfezione, nella rosa che sboccia, nel colore dei fiori, nella meraviglia della calda luce del sole, nel romanticismo di una dolce notte stellata, nel pianto del sofferente e nella mano di chi si prodiga in suo aiuto, nella lettera che viene da un amico  lontano e nella telefonata che arriva sempre al momento giusto, nel sorriso di chi ci ama, nell'amico che mi confida un suo segreto e in colui che ascolta il mio dolore, nella comunione e fratellanza, nel cielo terso senza nuvole, e nei colori minacciosi ma affascinanti di un forte temporale.http://www.guardacon.me/Crop.php?f=Blog/foto/Madonna%20Jesolo.jpg&w=300&h=200

Insomma, Dio riempie la nostra vita di segni della Sua presenza, se solo vogliamo vederli.

Nel racconto "Il sentiero della libertà" tratto dal mio omonimo libro, Dio dice:

"Gli uomini affrontano lunghi pellegrinaggi alla ricerca di segni prodigiosi dal cielo, e non c'è nulla di sbagliato, ma essi dimenticano che i più meravigliosi prodigi io li compio nel loro cuore".

Cari amici, io auguro a tutti voi con tutto il mio cuore, che possiate sempre cogliere in ogni momento della vostra vita, bello o brutto che sia, i numerosi segni con cui il Signore vi fa sentire la sua presenza, pronto sempre a donarvi gioia, speranza, ottimismo e amore. E che la vostra esistenza, per quanto debole, possa essere sempre sostenuta dalla sua dolce mano.

 

                                                                                                            Luca.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

Case per ferie a jesolo 06/26/2013 13:14

Questo è un fenomeno interessante. Dipende da ognuno di credere o no.