PELLEGRINAGGIO A MEDJUGORJE.

Pubblicato il da lucafavaro.over-blog.it

Ho avuto l' occasione nei giorni scorsi di fare un pellegrinaggio a Medjugorje, assieme all'associazione "ECCOMI" (www.EccomiReginadellapace.org), che ringrazio veramente di cuore per la splendida esperienza offertami e per la magnifica organizzazione che mi ha fatto sempre sentire sicuro, fiducioso, oggetto di premure e nelle mani di gente in gamba ed esperta.

Devo sottolineare che io non sono mai stato particolarmente devoto alla Madonna, anche se credo fermamente nella sua esistenza e nelle sue apparizioni. Il mio cuore è sempre stato attratto da Gesù, ed è sempre a Lui che mi sono rivolto in preghiera, sentendolo spesso vicino e parlandoGli spesso.

Potrei dire che Medjugorje ha per me significato una riscoperta del mio Grande Papà, e una notevole crescita nel rapporto di fede, abbandono e fiducia al suo Cuore Provvidenziale.

Sì, su internet e sui libri su Medjugorje si può trovare di tutto e di più. Da coloro che vi si accostano quasi con superstizione andando alla ricerca dei grandi segni di apparizioni quali il sole che pulsa, guarigioni e manifestazioni particolari, a coloro che denigrano quel luogo, considerando le apparizioni della Madonna l'ennesima truffa per spillare soldi ai soliti cattolici creduloni. Sui veggenti e sui preti della zona è stato detto di tutto, rendendoli dei veri e propri martiri cercando prove su prove che potessero testimoniare e smascherare il loro imbroglio, e tutto questo anche per mano di un regime comunista che si è sempre avventato con totale ferocia contro tutto ciò che odora di Cattolico.

Qualcuno ha anche detto che "... ci sono Cattolici che ragionano sulle cose, e loro con credono a Medjugorje...". Ok, dico io, è vero, ma è proprio questo il punto: la Fede non è una cosa che nasce dalla ragione, ma bensì dal cuore. Un Cristiano che si approcia alla fede solo con la ragione, a mio avviso non è un vero Cristiano. Se mi affido solo alla mia ragione per credere, mi ritroverò sicuramente a mani vuore, e non è un caso che, quando nella preghiera si vivono momenti di estasi particolari, poi non si riesca a spiegarli e a renderli pienamente con le parole. Come per dire che la ragione si deve fermare di fronte a certi limiti, che solo il Cuore può superare. Che senso ha credere soltanto in ciò che si vede con gli occhi, si tocca con le mani, e si sente con le orecchie? La fede subentra proprio laddove non c'è più la logica che può darmi la sicurezza del vivere. La fede è quel qualcosa che ti fa fare un salto nel vuoto, sicuro che ci sarà qualcuno pronto a sostenerti e a farti riemergere. Ma potrei dire di più: la ragione, può dare una spiegazione logica all'amore che io provo per i miei figli? Le leggi del cuore non sono come le leggi della matematica, dove 2 più 2 è uguale a 4, e questo ce lo ricorda Gesù stesso nella parabola del vignaiolo, che dà la stessa ricompensa agli operai della prima ora e a quelli dell'ultima. Dio non fa differenze: Lui può dare solo il massimo del massimo a tutti, primi e ultimi arrivati.

A Medjugorje ho visto tanta tanta tanta fede, manifestata in tutte le lingue e in tutte le salse. Si sente nell'aria tanta pace e serenità, e ci si sente tutti fratelli. A Medjugorje, tra i pellegrini, vige la legge del "prego fai prima tu, io posso aspettare", dell'aiuto reciproco e della condivisione profonda che si manifesta in sorrisi, gesti d'amore e d'amicizia.

Ho spesso vagato per il Santuario, tenendomi per mano del mio Signore, coi vestiti impolverati, sudatissimo dato il caldo micidiale che c'era, senza nessuna meta, mi sono commosso spesso e ho pianto molto, e soprattutto ero in pace. Ero in pace con me stesso e con il mondo, e mi sentivo in comunione con l'essere umano che vive dall'altra parte del pianeta, come fosse mio fratello conosciuto quando ancora il mondo era nei pensieri del nostro Padre. E giuro, se qualcuno mi avesse avvicinato, dicendomi: "ti dò 100.000 euro se rinunci a tutto questo", io gli avrei detto "No!". In quel momento ero a posto, non avevo bisogno di nulla, avevo tutto,Medjugorje e nulla di materiale avrebbe potuto darmi così tanto.

Chiudo queste mie considerazioni ringraziando ancora la splendida associazione "ECCOMI", vi invito a visitare il loro sito. Io francamente non lo so se la Madonna è effettivamente apparsa ai veggenti, non sono in grado di darvi alcuna prova concreta di questo, ma una cosa è certa: la Madonna e il Signore lì sono presenti e si manifestano al cuore di chi desidera veramente incontrarli.

Spero di non avervi annoiati con le mie farneticazioni, vi voglio bene.                                         Luca.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

Patrizia e Derek 09/22/2011 21:04


Caro Luca,

è meraviglioso l'amore che trasudano le tue parole; perché suggerite dal cuore; un cuore puro che si lascia amare senza porre barriere e che ama senza giudicare.
Grazie infinite per questo tuo scritto e per come ti spendi per il gruppo EVO.
Siamo un'unica catena d'amore per la salvezza delle anime, con una guida sicura, il caro e buon Gesù! anche noi ti vogliamo bene.

P e D